Sanremo 2018: ecco la scenografia futuristica di Emanuela Trixie Zitkowsky

Sanremo 2018: ecco la scenografia futuristica di Emanuela Trixie Zitkowsky

Svelata in anteprima la scenografia del Festival: tanto acciaio, giochi di luce e il bianco a farla da padrone. E ricorda: RMC ti racconterà in diretta il Festival da Casa Sanremo! Ascoltaci, dal 5 al 10 febbraio, per vivere un Festival ancora più emozionante!

Radio Monte Carlo ti racconterà il Festival di Sanremo in diretta. Dal 5 al 10 febbraio, dalle 10 alle 13, Rosaria Renna sarà in diretta dalla "Luxury Lounge" di RMC a Casa Sanremo. Non perdere l'appuntamento con le nostre interviste, i collegamenti e tutto il meglio del Festival!

Tutto pronto per la 68° edizione del Festival di Sanremo: sul sito ufficiale del Festival della Canzone Italiana è stata anche svelata la nuova scenografia che accompagnerà tutti i giorni della kermesse. Una scenografia proiettata verso il futuro con tanto acciaio, giochi di luce e il bianco a farla da padrone. A realizzarla Emanuela Trixie Zitkowsky: «La scenografia, pensata come un auditorium, è concepita prospetticamente per espandersi nel Teatro Ariston. Maglie larghe in acciaio - quasi vie - costruiscono un legame con l’esterno attraverso percorsi di luce. Il bianco trionfa: purezza dell’arte. La musica al suo interno, proprio grazie a queste maglie di legami, esce all’esterno traendo ispirazione e motivo di esistere. Gli elementi architettonici donano volumi di scena a rappresentare un agglomerato urbano, una città del futuro. Attraverso due spirali video che si innalzano e si elevano in torsione elicoidale per aiutare la musica ad innalzarsi verso nuovi orizzonti. Gli archi acustici trovano verticalità per aiutare i suoni a diventare universali» ha spiegato la scenografa. «Mille metri quadrati di video e di luce trasformano il tempio immacolato in una tavolozza dai mille colori. Un sipario progettato in quattro lame scende e preserva gli spazi preannunciando nuove visioni attraverso le sue 4.870 lampadine a goccia che richiamano il passato ma custodiscono nel nucleo nuove tecnologie proiettate nel futuro».

Now on air