Cannes: la terza giornata

Terza giornata del festival di Cannes

Originali, le prime dive di questo Festival di Cannes 2010. Perché, a giudicare da quanto accaduto ieri, a catturare simpatia e attenzione sono state, per motivi diversi, Sabina Guzzanti, regista di "Draquila”, e le variopinte protagoniste del film di Mathieu Almeric "Tournée”, straripanti (per simpatia e fascino) artiste di burlesque, lo strip tease anni Cinquanta rinverdito da Dita Von Teese.
Sia la Guzzanti, elegante e femminile sulla Croisette e sul red carpet, che le sfrontate e allegre stripteueses (dai nomi spiritosi come Dirty Martini, Mimì La Mieux, Kitten on The Keys) hanno portato al Festival un'immagine meno convenzionale della donna (e della diva). Pubblico e critica hanno apprezzato. Oggi intanto è la volta di un tocco di Hollywood, anche se alla maniera di Oliver Stone, regista che da sempre ama metetre in luce le contraddizoni della società e del potere.
Fuori concorso è infatti proiettato "Wall street: money never sleeps”, aggiornamento di un grande classico del regista, quel "Wall street” che negli ormai lontani anni Ottanta lanciò la figura del broker spietato e il Michael Douglas in versione "pescecane cinico”. Douglas è ancora della partita, a rinverdire però il cast c'è il giovane Shia LaBeouf, che la stampa specializzata continua a presentare come la nuova stella fulgente di Hollywood. In attesa di scoprire se davvero lo sarà, stasera ci sono davvero due grandi stelle fulgenti: Alain delon e Claudia Cardinale, giovani e indimenticabili nella versione restaurata del "Gattopardo” di Luchino Visconti, nella versione rimasterizzata con tecniche digitali.
In concorso il film "The Housemaid” di Im Sangsoo.

Now on air