Come riconoscere un buon personal trainer?

A differenza di molte professioni dove è sufficiente spiegare e illustrare senza "Fare", è mia convinzione che il personal trainer giusto si riconosca, paradossalmente, proprio fuori dell'orario di lavoro. Osservarlo mentre si allena o quando è impegnato in sala pesi con una professionalità-empatia assolutamente naturali, far caso se è concentrato a tenere in ordine la palestra senza scavalcare un manubrio o un bilanciere abbandonati qui e là, fa del trainer un trainer ideale. Prima osservazione. La seconda scatta quando iniziamo a richiedergli un programma adatto e adattato a noi. A quel punto, se la sequenza d'esercizi verrà redatta per automatismo, meglio lasciar perdere e dirottare su un altro istruttore. Se, al contrario, un colloquio assai approfondito avrà preceduto la stesura del programma, che scaturirà soprattutto dalle nostre esigenze di tempo, staremo percorrendo la strada giusta. Saremo davanti a un buon trainer.

di Roberto Romano

Vuoi fare una domanda agli esperti di Starbene? Clicca il tasto qui sotto

Now on air