L’allenamento perfetto esiste? Finalmente la risposta

Nessun istruttore al mondo è depositario della verità. L'allenamento dipende dalla persona che abbiamo davanti e mai dalla "linea tecnica" dell'istruttore. Se il trainer s'impone, è professionalmente un insicuro e probabilmente sta solo replicando il suo standard.

L'allenamento delle "Tre effe"

Il mio concetto d'allenamento ideale è quello che solitamente definisco delle "Tre effe": Fitness 1 (Cardiofitness), Fitness 2 (Forza), Fitness 3 (Flessibilità-stretching). Un allenamento di 45 minuti, suddiviso in 15 minuti di attività cardio piuttosto frizzante, magari con qualche accelerazione, poi 15 minuti di attrezzi alternando sopra-sotto e infine 15 minuti di stretching, avrà molte chances d'essere annoverato tra gli allenamenti ideali. E, particolare non trascurabile, il risultato fisico sarà garantito quasi al 100%.

Corpo e mente

L'effetto del workout perfetto, tuttavia, dovrà allargarsi alla sfera psichica e non solo limitarsi a un addome che si impone all’ammirazione. Nessun lavoro fatto a metà sarà mai un buon lavoro, perché bisogna  agire su corpo e mente.

di Roberto Romano

Vuoi fare una domanda agli esperti di Starbene? Clicca il tasto qui sotto

Now on air