WEB RADIO

Music Star Coldplay
 
MC2
 
RMC Great Artists
 
Radio Bau & Co
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Duets
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC New Classics
 
rmc
 
Music Star Jovanotti
 
Music Star Giorgia
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Hits
 
RMC Love Songs
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Italia
 
RMC 90
 
RMC Marine
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC 80
 
Music Star Zucchero
 
Radio Festival
 

Mirò! Sogno e colore

A Palazzo Albergati di Bologna, dall’11 aprile al 17 settembre, una grande rassegna dedicata all’artista catalano

È un appuntamento da non perdere quello in programma dall’11 aprile al 17 settembre al Palazzo Albergati di Bologna: a essere esposte sono 130 opere del grande artista catalano Joan Mirò. La mostra, intitolata Mirò! Sogno e colore, offre una rassegna esaustiva dell’arte del Maestro, tra i più amati esponenti dell’avanguardia europea.

Le opere in esposizione provengono dalla Fondazione Pilar i Joan Miró di Minorca, l’isola dove Mirò visse dal 1956 fino alla morte, nel 1983, lavorando in un grande, fascinoso studio immerso nel silenzio e nella natura. Lo studio è stato ricostruito scenograficamente all’interno degli spazi di Palazzo Albergati.

Mirò! Sogno e colore

Mirò! Sogno e colore comprende capolavori come "Donna nella via" (olio, 1973), "Senza titolo" (olio, 1978), "Donna" (bronzo, 1967) e schizzi, tra cui quello per la decorazione murale per la Harkness Commons-Harvard University. Il percorso della mostra segue un racconto insieme cronologico e tematico concentrato sugli ultimi trent’anni di vita dell’artista. È forte la presenza di Minorca, con la sua ispirazione fatta di natura e colore, e ricorrono tutti i soggetti cari al Maestro: donne, paesaggi e uccelli. C’è spazio anche per i dipinti monocromi e le sculture, frutto delle sperimentazioni con diversi materiali.

La mostra, che ha il patrocinio del Comune di Bologna, è prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con Fondazione Pilar e Joan Miro di Maiorca ed è curata da Pilar Baos Rodríguez e Francisco Copado Carralero.