WEB RADIO

Music Star Zucchero
 
RMC Love Songs
 
RMC New Classics
 
rmc
 
RMC 80
 
Radio Monte Carlo FM
 
Radio Festival
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Marine
 
RMC Duets
 
MC2
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Kay Kay
 
RMC Italia
 
RMC Great Artists
 
Music Star Jovanotti
 
RMC 90
 
Music Star Giorgia
 
RMC Hits
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Coldplay
 

Mirò! Sogno e colore

A Palazzo Albergati di Bologna, dall’11 aprile al 17 settembre, una grande rassegna dedicata all’artista catalano

È un appuntamento da non perdere quello in programma dall’11 aprile al 17 settembre al Palazzo Albergati di Bologna: a essere esposte sono 130 opere del grande artista catalano Joan Mirò. La mostra, intitolata Mirò! Sogno e colore, offre una rassegna esaustiva dell’arte del Maestro, tra i più amati esponenti dell’avanguardia europea.

Le opere in esposizione provengono dalla Fondazione Pilar i Joan Miró di Minorca, l’isola dove Mirò visse dal 1956 fino alla morte, nel 1983, lavorando in un grande, fascinoso studio immerso nel silenzio e nella natura. Lo studio è stato ricostruito scenograficamente all’interno degli spazi di Palazzo Albergati.

Mirò! Sogno e colore

Mirò! Sogno e colore comprende capolavori come "Donna nella via" (olio, 1973), "Senza titolo" (olio, 1978), "Donna" (bronzo, 1967) e schizzi, tra cui quello per la decorazione murale per la Harkness Commons-Harvard University. Il percorso della mostra segue un racconto insieme cronologico e tematico concentrato sugli ultimi trent’anni di vita dell’artista. È forte la presenza di Minorca, con la sua ispirazione fatta di natura e colore, e ricorrono tutti i soggetti cari al Maestro: donne, paesaggi e uccelli. C’è spazio anche per i dipinti monocromi e le sculture, frutto delle sperimentazioni con diversi materiali.

La mostra, che ha il patrocinio del Comune di Bologna, è prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con Fondazione Pilar e Joan Miro di Maiorca ed è curata da Pilar Baos Rodríguez e Francisco Copado Carralero.