Una borsa per la vita: l'iniziativa ambientalista del Principato

E' partita qualche mese fa e proibisce la vendita e l'uso degli inquinanti sacchetti di plastica per la spesa. Adesso arriva anche il sostegno di una campagna di sensibilizzazione

di Andrea Munari

MONACO. Se ci fermiamo un attimo e riflettiamo su certi numeri e sulle conseguenze devastanti per l’ambiente, forse riusciamo a trovare una spinta eco-responsabile in più e portare il nostro contributo.

Questa iniziativa riguarda il Principato, ma può essere un esempio per tutti e ovunque ci si trovi, dato che gli artefici del disastro siamo noi.

Esempio: il numero di rifiuti microplastici dispersi nel Mediterraneo (il nostro mare!) è oggi stimato a 250 miliardi e il Mediterraneo risulta così tra i mari più inquinati.

L'iniziativa del Principato

Il Principe Alberto II oltre che un Capo di Stato è anche un ambientalista da sempre in prima linea, e a questa situazione ha detto basta. Con il supporto del suo Governo ha voluto che fosse tutto il Principato a dare un segnale. Tre mesi fa (1 giugno 2016) la distribuzione e la vendita di sacchetti in plastica per fare la spesa sono stati vietati.

Oggi, ringraziando tutti i commercianti che hanno aderito e si sono adoperati seguendo questa nuova direttiva, il Governo ha tracciato un primo bilancio e ha lanciato una campagna di sensibilizzazione rivolta a tutta la comunità di Monaco: monegaschi, residenti, frontalieri, turisti di passaggio.

Una borsa per la vita

Lo slogan è Una borsa per la vita/Un sac pour la vie/A bag for life. Contiene due messaggi: una borsa che si possa riutilizzare, quindi con una maggiore durata. fabbricata con materiale naturale e biodegradabile.

Per questa iniziativa, entro la fine di settembre gli abitanti del Principato riceveranno a casa tramite posta il kit contenente la borsa e una brochure di spiegazione e motivazione.

Affissioni in tutto il Principato e un video supportano la campagna di sensibilizzazione.

Prossime scadenze per la riduzione dei rifiuti e delle emissioni di gas a effetto serra nel 2017 e 2020:

- Divieto dal 1 gennaio 2017 di tutti gli altri tipi di sacchetti usa e getta che contengano meno del 30% di materie prime rinnovabili. Questa percentuale salirà progressivamente al 60% nel 2025.

- Divieto dal 1 gennaio 2020 di tutti gli utensili in plastica usa e getta da cucina e per la tavola.

Scopri cliccando a questo link il video (in francese): Un sac pour la vie / A bag for life

Now on air