Incidente per il catamarano Malizia di Pierre Casiraghi

L'imbarcazione investe un gommone. Nessun ferito, ma l'albero del battello finisce in fondo al lago di Garda

di Andrea Munari

11 luglio - Doveva essere una tranquilla gita in barca, e invece ci è mancato poco che si trasformasse in tragedia. Paura sul lago di Garda sabato mattina, quando Pierre Casiraghi, con il suo catamarano "Malizia", si è scontrato con un gommone, a bordo del quale si trovava il fotografo Carlo Borlenghi. 

L'incidente

«Poco dopo il passaggio della boa di bolina, stavamo seguendo i catamarani nel lato di lasco - ha raccontato Borlenghi al Corriere della Sera - Ero sul gommone con il pilota. Era già passato il gruppo e io stavo fotografando proprio Malizia, il catamarano di Casiraghi. Pensavamo di essere a distanza di sicurezza, ma evidentemente non ci hanno visti, perché cambiando improvvisamente la direzione hanno puntato contro di noi. E' stato un attimo. In quel momento il catamarano navigava a 30 nodi di velocità. Abbiamo fatto appena in tempo a buttarci sul fondo del gommone. Il foil ha colpito in pieno il volante e la struttura centrale del gommone, sradicandola. E noi abbiamo ringraziato il cielo. Avevamo appena sbarcato due persone dal gommone e se fossero state a bordo non avremmo avuto modo di sdraiarci sul fondo. In quanto a Malizia, si sono rovesciati, ma nessun danno alle persone. Per fortuna. E' andata bene».

L'albero spezzato

Nessuna vittima, né feriti, fortunatamente. L'unico danno, oltre al gommone, l'albero del catamarano, spezzato durante le operazioni di recupero dell'imbarcazione e disperso sul fondo del lago.

Now on air