WEB RADIO

Radio Monte Carlo FM
 
MC2
 
RMC Marine
 
RMC Hits
 
Radio Bau & Co
 
Radio Festival
 
RMC Duets
 
rmc
 
Music Star Coldplay
 
RMC New Classics
 
Music Star Giorgia
 
RMC Love Songs
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Kay Kay
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Italia
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Jovanotti
 
RMC Great Artists
 
RMC 90
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC 80
 

Wow Gilles! Villeneuve, Il mito che non muore

Una emozionante mostra fotografica dedicata al grande campione automobilistico. Allo Spazio Oberdan di Milano, dal 21 aprile al 16 luglio

Wow Gilles! Villeneuve, Il mito che non muore

RMC è media partner

Un titolo che punta sull'emozione (Wow Gilles! Villeneuve, Il mito che non muore) per una mostra che tocca il cuore, dedicata com'è a un grande campione di Formula 1, il canadese Gilles Villeneuve. Organizzata allo Spazio Oberdan di Milano, dal  21 aprile al 16 luglio, ripercorre la carriera del pilota a 35 anni dalla sua scomparsa, grazie a 170 fotografie di Ercole Colombo, uno tra i più apprezzati tra i reporter sportivi. Oltre agli scatti memorabili firmati Colombo, sono in mostra anche alcune immagini provenienti dal Museo Villeneuve di Berthierville in Canada, il motore della Ferrari 126CK Turbo del 1981 e altri oggetti legati al mito di Villeneuve.

Villeneuve: una leggenda dello sport

L'esposizione narra al visitatore la vicenda biografica di Villeneuve, grazie anche ai testi di Giorgio Terruzzi, altro curatore dell'evento. Si parte dal 1950, anno di nascita di Villeneuve, per arrivare al fatidico giorno (il 29 agosto) del 1977, quando il giovane pilota incontra Enzo Ferrari, che gli affidò una delle sue auto e in seguito lo descrisse così: «Villeneuve, con il suo temperamento, conquistò subito le folle e ben presto diventò… Gilles! Sì, c’è chi lo ha definito aviatore e chi lo valutava svitato, ma con la sua generosità, con il suo ardimento, con la capacità “distruttiva” che aveva nel pilotare le macchine, macinando semiassi, cambi di velocità, frizioni, freni, ci insegnava cosa bisognava fare perché un pilota potesse difendersi in un momento imprevedibile, in uno stato di necessità. È stato campione di combattività e ha regalato tanta notorietà alla Ferrari. Io gli volevo bene».

La carriera di Villeneuve in Formula 1 è durata solo 5 anni, dal 1977 al 1982, ma ha lasciato un segno indimenticabile nel cuore degli appassionati di motori (e non solo), per la sua audacia, le corse spericolate, la carica umana, le sfide al limite del possibile. Il pilota scomparve nel tragico incidente di Zolder, nel 1982. Le foto di Ercole Colombo narrano le sue imprese in pista e la nascita della leggenda di un vero mito sportivo.

Informazioni: www.wowgilles.com