WEB RADIO

RMC New Classics
 
RMC Italia
 
RMC Duets
 
Music Star Giorgia
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC 80
 
Music Star Tiziano Ferro
 
rmc
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC Love Songs
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Music Star Coldplay
 
Music Star Zucchero
 
Radio Festival
 
Radio Bau & Co
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC 90
 
Music Star Jovanotti
 
MC2
 
RMC Hits
 
RMC Great Artists
 
RMC Marine
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Pino Daniele
 

A Palermo una eccezionale mostra dedicata a Renato Guttuso

Intitolata "Guttuso. La forza delle cose", è in programma a Villa Zito dal 22 dicembre 2016 al 26 marzo 2017

RMC è radio ufficiale

Una prospettiva inedita sul percorso artistico di un grande maestro come Renato Guttuso e un omaggio intenso alla carica travolgente della sua opera pittorica: è quanto offre l'esposizione "Guttuso. La forza delle cose" (curata da Fabio Carapezza Guttuso e Susanna Zatti), in programma negli spazi di Villa Zito a Palermo dal 22 dicembre 2016 al 26 marzo 2017.

La forza espressiva delle nature morte

In mostra 47 nature morte provenienti da prestigiose sedi espositive come il MART Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, la Fondazione Magnani Rocca, i Civici Musei di Udine, il Museo Guttuso, la Fondazione Pellin e alcune importanti collezioni private. Le nature morte sono tra le componenti essenziali della produzione artistica di Guttuso: il pittore esplora ossessivamente gli oggetti che le compongono e ne trae opere di straordinaria forza espressiva e vibrante potenza cromatica. 

Le opere esposte

La mostra presenta dipinti degli Anni Trenta e Quaranta, che testimoniano la drammatica situazione esistenziale e politica della dittatura e della guerra; seguono dipinti che mostrano l'influenza della pittura post-cubista picassiana (Finestra, 1947, Bottiglia e barattolo, 1948) e il recupero della cultura artistica europea. E se, negli Anni Sessanta, i temi si fanno più meditativi, e ispirati al realismo e all'informale (Il Cestello, 1959, La Ciotola, 1960, e Natura morta con fornello elettrico, 1961), i due decenni successivi vedono nascere capolavori .che sono dense metafore del reale (Cimitero di macchine, 1978, Teschio e cravatte, Bucranio, mandibola e pescecane, 1984).

Il percorso espositivo

Ad arricchire il precorso dell'esposizione, fotografie (di cui molte inedite) dagli Archivi Guttuso e frammenti video (Rai Teche) che testimoniano la vita dell'artista, privata e pubblica e i suoi incontri con intellettuali e artisti come Moravia, Vittorini, Saba e Levi, Manzù, Moore, Pasolini, Neruda, De Sica, Visconti, Picasso, in una rete di ispirazioni e collaborazioni editoriali, teatrali, cinematografiche.

La mostra,organizzata da Civita e da ViDi, ha il patrocinio della Regione Sicilia, dell’Assemblea Regionale Siciliana e dell’Assessorato alla cultura della Città di Palermo.