Bono a Nizza il giorno della strage?

Il musicista degli U2 pare fosse a cena in un ristorante vicino al luogo della tragedia

Anche Bono pare sia rimasto coinvolto, fortunatamente senza tragiche conseguenza, nell'attentato che ha colpito Nizza il 14 luglio. Il musicista, che ama la Costa Azzurra e possiede una casa a Eze, era a cena con degli amici al ristorante La Petite Maison quando il tir killer ha fatto irruzione sulla Promenade Des Anglais.

A cena in terrazza

La proprietaria del ristorante Anne-Laure Rubi ha raccontato al supplemento del quotidiano Le Parisien di aver visto le persone in preda al panico. Tra i presenti, anche il sindaco di Nizza, il celebre chef Alain Ducasse e Bono, che cenavano in terrazza. Durante la tragedia, il personale aveva radunato tutte le persone all'interno del locale, chiudendo le entrate fino a quando la polizia non aveva dato il via libera: «Ci è voluta una mezz'ora prima che la polizia ci lasciasse uscire - ha rivelato uno dei presenti - Come tutti gli altri Bono, uscendo, ha dovuto tenere le braccia alzate e gli è stato detto di rimanere calmo. La situazione era ancora concitata e la polizia temeva che ci potesse essere qualche altro attentatore in giro».

Il Bataclan

Se confermata, la presenza di Bono avrebbe dell'incredibile, visto che il cantante era a Parigi lo scorso 13 novembre, quando la capitale francese fu vittima di una serie di attentati e ben 89 persone persero la vita al Bataclan.

Now on air