Jean Michel Jarre: Electronica Part 1: The Time Machine

L'artista si sta dedicando a un nuovo, poliedrico progetto di cui uscirà a breve il secondo capitolo

Si intitola “Electronica Part 1: The Time Machine”, l’album di Jean Michel Jarre uscito nell’ottobre scorso che a breve vedrà  uscire il suo atteso seguito (e Monte Carlo Nights ve ne darà presto notizie). Si tratta infatti di un progetto ambizioso, poliedrico, che già in questo primo album vede la collaborazione di ben quindici musicisti di talento, tra cui spiccano nomi illustri come quelli di Moby, Massive Attack, Tangerine Dream, Air, John Carpenter, Laurie Anderson, Pete Townshend degli Who e giovani artisti già stelle della scena elettronica contemporanea come Gesaffelstein e Little Boots.

Un mood speciale

Jarre, genio musicale e tra i numi fondanti della musica elettronica del nostro tempo, ha scelto per questo progetto un approccio inusuale, chiedendo a tutti i collaboratori di lavorare insieme di persona, per dar vita a un mood particolarmente intenso. 

«Sarebbe stato fin troppo facile per lui starsene seduto a Parigi, mandare e-mail ai collaboratori e farsi spedire la musica», ha raccontato Moby a proposito di questa esperienza. «Altra cosa è interagire con tutti gli artisti, a più riprese, stare con loro in studio e quasi spingerli a scoprire nuovi lati della loro personalità musicale... Penso che sia proprio questo a rendere interessante l’album. Per me non si tratta di collaborazioni di musica elettronica, ma di esseri umani che si riuniscono e collaborano in modo davvero unico».

La storia della musica elettronica

Da parte sua, Jarre ha voluto precisare che «da tempo volevo raccontare la storia e l’influenza della musica elettronica secondo il mio punto di vista e la mia esperienza personale, dai miei esordi fino al giorno d’oggi. Così ho deciso di comporre con una schiera di artisti direttamente o indirettamente legati a questa scena musicale. Persone che ammiro per il loro particolare contributo al genere, che hanno rappresentato una fonte d’ispirazione per me nel corso dei miei quarant’anni di servizio, ma che hanno anche un sound immediatamente riconoscibile. All’inizio non avevo la minima idea di come si sarebbe evoluto questo progetto, ma mi ha fatto molto piacere che tutti coloro che ho contattato abbiano accettato il mio invito a partecipare».

La Tracklist

1) The Time Machine (JMJ & Boys Noize)

2) Glory (JMJ & M83)

3) Close your eyes (JMJ & AIR)

4) Automatic (part 1) (JMJ & Vince Clarke)

5) Automatic (part 2) (JMJ & Vince Clarke)

6) If..! (JMJ & Little Boots)

7) Immortals (JMJ & Fuck Buttons)

8) Suns have gone (JMJ & Moby)

9) Conquistador (JMJ & Gesaffelstein)

10) Travelator (part 2) (JMJ & Pete Townshend)

11) Zero Gravity (JMJ & Tangerine Dream)

12) Rely on me (JMJ & Laurie Anderson)

13) Stardust (JMJ & Armin van Buuren)

14) Watching you (JMJ & 3D (Massive Attack))

15) A question of blood (JMJ & John Carpenter)

16) The train & the river (JMJ & Lang Lang)

Now on air