WEB RADIO

RMC Hits
 
Music Star Jovanotti
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Giorgia
 
Radio Monte Carlo FM
 
MC2
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC Marine
 
RMC Italia
 
Xmas Radio
 
Music Star Tiziano Ferro
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
RMC Love Songs
 
rmc
 
Radio Festival
 
Music Star Coldplay
 
Radio Bau & Co
 
Radio Kay Kay
 
RMC New Classics
 
RMC 80
 
RMC Great Artists
 
Music Star Zucchero
 
RMC 90
 
RMC Duets
 

TASCHEN/Audrey Hepburn

La diva simbolo di charme ed eleganza ritratta nelle immagini del celebre fotografo Bob Willoughby. Guarda gli scatti esclusivi

«Ho sempre cercato di far meglio. Di guardare sempre più avanti. Di spingermi sempre oltre»

Usa queste poche parole Audrey Hepburn, per presentare sé stessa. Una sorta di veloce selfie esistenziale, in cui mettere a fuoco le proprie qualità principali: l’impegno, la costanza, il miglioramento continuo di sé.  Lo charme, l’eleganza, quel fascino inconfondibile per cui la celebre attrice è diventata famosa vengono dopo, e nascono proprio da questo suo carattere deciso e dalla sua forza d’animo. Aspetto fragile, ma volontà ferrea. Fin da quando, adolescente, nel Belgio occupato dai nazisti, la piccola  Audrey Kathleen Ruston patisce le privazioni, la fame e una forma acuta di anemia. Che non le impediscono di prendere lezioni di danza classica e aiutare i concittadini a resistere ai tedeschi, sia facendo da staffetta in bicicletta che ingegnandosi a ricavare farina dai bulbi dei tulipani. Una combinazione inedita di grazia e coraggio che troveremo poi esaltata, secondo i canoni hollywoodiani, in film ormai nel cuore degli spettatori, come “Vacanze romane”, “Colazione da Tiffany”, “Sabrina” “My Fair Lady”.

La star amata dalle donne

Tutte pellicole che hanno per protagoniste eroine all’apparenza delicate, ma capaci di imporsi e affermare la propria volontà, trionfando anche sui partner maschili. Forse è proprio questo aspetto di Audrey a renderla così amata dalle donne, che in lei vedono l’icona della diva elegante, raffinata, discreta, che punta sullo charme e non sull’erotismo, a differenza di Marilyn Monroe, e che nel partner non vede un uomo che la protegga, come la star biondo platino, ma un compagno che non la prevarichi.

L'eleganza innata

La lezione di Audrey, per tutte le ragazze del mondo, è grande: il fascino si nasconde nel comportamento, nell’allure, nei modi, nella grazia del muoversi e parlare. Conquistato tutto questo, l’eleganza viene da sé. Può avere l’aspetto degli incantevoli abiti creati per lei dal celebre stilista Hubert de Givenchy o della semplicità minimalista di un paio di pantaloni alla caviglia indossati con ballerine e camicia annodata (uno dei suoi look più amati), ma lo charme di Audrey è identico, perché trascende la forma e colpisce dritto alla sostanza. E, a proposito della lunga, fruttuosa collaborazione con Givenchy, va detto che la loro magica intesa nacque da un equivoco: allo stilista era stato detto che avrebbe creato gli abiti per miss Hepburn, e il francese credette si trattasse di Katherine Hepburn. Grande fu il suo disappunto nello scoprire che si trattava della più giovane e allora poco nota Audrey, ma l’attrice riuscì a conquistarlo immediatamente con la sua grazia innocente.

Charme e umanità

Un Oscar, tre Golden Globe, un Grammy, il ruolo di Ambasciatrice speciale dell’UNICEF, film interpretati con star come Gregory Peck, Cary Grant, Humphrey Bogart, Gary Cooper, Maurice Chevalier, Anthony Perkins, Burt Lancaster, Peter O’Toole… Una carriera prestigiosa, che pur avendo fatto di Audrey una stella, non l’ha resa distante dal suo pubblico. L’amore per i bambini che la contraddistingueva, gli aborti spontanei cui è andata incontro, la sua autentica compassione per le persone in difficoltà e il suo impegno a favore delle cause umanitarie, in anni in cui non erano una moda, hanno regalato alla sua immagine un calore umano e un affetto al quale le altre dive non hanno mai potuto ambire. Audrey ha mostrato al mondo tutto il fascino di un’indole generosa e affabile. E per questo è diventata simbolo di un’eleganza intramontabile, fatta di charme e umanità.

Il volume TASCHEN

E sono proprio la sua eleganza e la sua umanità a essere messe in luce nello splendido volume fotografico dedicato dalla casa editrice Taschen a Audrey Hepburn ("Audrey Hepburn. Photographs 1953–1966"). Duecentottanta pagine, che raccolgono gli scatti iconici firmati Bob Willoughby (tra i più celebri fotografi della Hollywood tra gli Anni Cinquanta e Sessanta) che strinse un rapporto speciale con la Hepburn, seguendola sui set, ma anche tra le pareti di casa. Le sue immagini sono l’appassionante racconto di una diva che si prepara per le scene, si confronta con il cast, studia la parte, ma che si dedica anche alla sua vita privata. Una testimonianza vibrante della forza, dell’eleganza e della vitalità di Audrey, un incantevole omaggio al suo talento e alla sua eredità.

 Scopri il volume Taschen dedicato a Audrey Hepburn

CHI È

Taschen è una celebre casa editrice tedesca di luxury book dedicati al mondo dell’immagine, dell’arte, della moda e del costume. Fondata a Colonia nel 1980 da Benedikt Taschen, ha come missione pubblicare libri favolosi e innovativi. Il suo motto è: «Noi non seguiamo le tendenze. Le creiamo».

Fotografia, architettura, sport, grandi personaggi, design, storia della pubblicità, cinema, comics sono solo alcuni dei temi affrontati negli splendidi volumi del catalogo Taschen. I suoi shop si trovano nelle principali città europee e statunitensi: Londra, Parigi, Berlino, Colonia, Bruxelles, Copenaghen, New York, Miami, Los Angeles (a Beverly Hills e Hollywood) e dalla primavera 2015, anche Milano.

Con lo speciale dedicato al volume Taschen su Frank Sinatra (“Frank Sinatra ha il raffreddore”) RMC dà inizio a una prestigiosa collaborazione con la casa editrice tedesca.