WEB RADIO

Radio Festival
 
Music Star Tiziano Ferro
 
rmc
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC 80
 
MC2
 
RMC Hits
 
RMC Duets
 
Xmas Radio
 
RMC Love Songs
 
Music Star Coldplay
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC 90
 
Radio Bau & Co
 
RMC Great Artists
 
RMC Italia
 
Music Star Giorgia
 
RMC Marine
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Jovanotti
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
RMC New Classics
 
Music Star Zucchero
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 

DIARIO DI BORDO

Mille Miglia: la corsa, gli incontri, la festa, l'arrivo e... un grazie a tutti!

Da Roma a Parma e da Parma a Brescia passando per Monza. La carovana della Mille Miglia ormai è alle battute finali ma quando in serata si giunge a Parma e si parcheggiano le auto nei giardini di palazzo Ducale, con la cena al teatro Regio, ti rendi conto di quanto sia bella questa Italia nascosta ai più, ricca di storia, e ancora a misura d’uomo.

Il tributo Ferrari da una parte, il Challenge Mercedes dall’altro in mezzo le auto in gara, è una festa incredibile, la città si anima, la gente si affolla mentre i mezzi assistenza stanno, in alcuni casi, ricostruendo frizioni, sistemando cambi sotto la luce delle torce. Sono passate da tempo le 23 e sulla Mercedes 388 arriva Ivan Capelli. E’ provato dalla lunga marcia, è partito da Roma alle 8,45 e dopo 15 ore di auto è arrivato in fondo. Ad attenderlo una sorpresa: Ermanno Cuoghi, ex capo meccanico di Niki Lauda che svela un piccolo aneddoto. Ivan aveva 12 anni ed era a Fiorano col padre per lavoro. Ermanno lo prese da parte, vedendo che gli occhi luccicavano, e gli dice: “Vieni mo qua, ma non toccare nulla sennò mi arrabbio”. Prese il piccolo Ivan e lo mise nell’abitacolo della 312 di Niki Lauda. Capelli rimase attaccato al volante per le due ore in cui il padre dovette finire del lavoro e se non lo tiravano fuori a forza, sarebbe rimasto là dentro ancora oggi. Ermanno si commuove al ricordo anche perché Ivan poi ha corso con la Ferrari in F.1, ma ormai è tardi, si deve ripartire destinazione Brescia.

La sveglia suona presto, ma quasi dispiace perché è l’ultima volta. Si ricomincia la trafila ma quando si entra in autodromo a Monza si finisce col farsi prendere dal fascino del tempio della velocità, lo stesso accade ai concorrenti che sulla sopraelevata ci danno di gas come non mai in precedenza! Incontriamo un’altra voce di RMC, Stefano Gallarini, appassionato al pari di Marco Porticelli di auto storiche, va a finire che fra poco faremo un equipaggio tutto radiofonico e sarà da ridere!

Monza è un trionfo di storia e tradizioni, un biglietto da visita eccezionale per l’Italia a motore e per chi ama le vetture. Si riparte da Monza e si va a Bergamo. La città accoglie la carovana come meglio non potrebbe, ali di folla lungo il percorso, controllo orario di fronte al teatro Donizzetti con i ragazzi del cuore Rosso Ferrari che aprono lo splendido cuore a coprire le auto in transito, una scenografia pazzesca che fa capire quanta passione ci sia.

Ormai è finita, si riprende la strada di Brescia, arrivo in città, stanchi, distrutti, auto in classifica e fuori classifica, non importa.

Tutti meritano un applauso, da chi ha partecipato, ha chi ha organizzato ogni dettaglio alle forze dell’ordine che hanno dedicato lunghe ore della loro giornata ad aiutare e assistere tutti, anche chi non era in gara. E’ finita l’edizione 2016, ma di fatto è già cominciata quella del 2017. Ma non possiamo ancora dirvi come è andata.


Paolo Ciccarone