ApritiModa. RMC è radio ufficiale

Il 24 e 25 marzo a Firenze palazzi storici, musei, atelier e laboratori da sogno aprono le porte al pubblico per svelare tutti i segreti delle griffe più amate

Uno sguardo dietro le quinte dei laboratori e degli atelier che creano prodotti capaci di far sognare il mondo intero: è questo lo spirito di APRITIMODA, l'iniziativa che il 24 e il 25 marzo a Firenze permette di ammirare i luoghi nascosti e spesso inaccessibili dei più importanti atelier di moda, laboratori di profumo e non solo. Una chance eccezionale per scoprire il talento, la pazienza e l'artigianalità nascosti dietro ogni creazione di alta gamma.

In occasione di APRITIMODA tredici grandi atelier fiorentini e toscani aprono le loro incantevoli location per dar vita a visite (libere e gratuite, o guidate su prenotazione sul sito www.apritimoda.it) che raccontano lo stile inconfondibile di ogni maison.

Scopo dell'iniziativa è dar risalto al sistema moda nella città di Firenze, che fu la prima capitale della moda italiana. Era infatti il 1951 quando Giovanni Battista Giorgini chiamò le maison di moda dei tempi a sfilare nella Sala Bianca di Palazzo Pitti, sfidando l'egemonia di Parigi. Da allora Firenze ha sviluppato un discorso creativo originale e ricchissimo, all'insegna di valori quali raffinatezza, artigianalità e creatività, ed è tuttora riconosciuta a livello internazionale come grande città del fashion.

Queste le griffe che si aprono straordinariamente alle visite del pubblico:

Amedei Tuscany – Pontedera, loc. La Rotta

L’atelier dove nasce il cioccolato più premiato d’Europa si apre a visite gratuite su prenotazione per svelare tutti i segreti del cioccolato e mostrare gli antichi macchinari di lavorazione del cacao .

Aquaflor - Borgo Santa Croce 6

Le porte del palazzo storico Corsini Antinori Serristori si aprono sull'esclusiva bottega del profumo Aquaflor. Le visite guidate sono dedicate alla collezione personale del maestro profumiere Sileno Cheloni, composta da oltre 1500 essenze rare e preziose.

AQUAZZURA - Lungarno Corsini 8

E' lo splendido palazzo Corsini, gemma del Seicento, a rivelare l'atelier del brand di calzature di lusso made in Florence.

Emilio Pucci - Via dei Pucci 6

Un'occasione davvero speciale per visitare Palazzo Pucci, residenza della famiglia Pucci e sede della Maison fino al 2017.

Enrico Coveri - Lungarno Guicciardini 19

Ancora un incantevole palazzo, dell'età d'oro dei Medici, apre le sue porte per rivelare l'atelier della griffe e la sartoria celebri per i suoi capi in paillettes con la lavorazione a maglia tricot. 

Ermanno Scervino - via di Tizzano 169 – Grassina, Bagno a Ripoli

Le visite guidate, su prenotazione, permettono di ammirare il quartier generale della maison e visitare i laboratori di produzione dove si svolgono tutte le lavorazioni di eccellenza.

Gucci Garden - Piazza della Signoria 10

Memorabile l'esperienza offerta dalla maison, che, all'insegna dell'interattività, presenta una selezione di capi tratti dalle collezioni della griffe che risalgono alle sue origini nel 1921, insieme a oggetti recenti, memorabilia e arte contemporanea. Per rendere un omaggio suggestivo a Firenze e alla tradizione Gucci

Lorenzo Villoresi - Via de’ Bardi 12

Un vero sorprendente viaggio nel mondo del profumo: il celebre maestro profumiere apre la boutique del Palazzo in via de Bardi e i saloni che presto ospiteranno l’Accademia. Durante le visite (guidate su prenotazione), i visitatori saranno coinvolti in percorsi olfattivi alla scoperta delle essenze più rare e preziose.

Loretta Caponi - piazza Antinori 4r / via delle Belle Donne 28 r

Ad aprire eccezionalmente le sue porte è la bottega-atelier di 850 mq nel cuore di Firenze che crea la lingerie di alta moda scelta da regnanti e celebrities da tutto il mondo.

Museo della moda e del costume di Palazzo Pitti - Piazza Pitti, 1

Un percorso suggestivo, con la guida degli studenti delle scuole di moda di Firenze, all'interno dell’attuale selezione del Museo intitolata "Tracce: Dialoghi ad Arte nel Museo della Moda e del costume". Un originale confronto tra importanti capi iconici della moda italiana e opere d’arte moderna e contemporanea dalla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti.

Museo Salvatore Ferragamo - Piazza Santa Trinità 5r

Il Museo offre la mostra “1927 il ritorno in Italia. Salvatore Ferragamo e la cultura visiva del Novecento”.

Officina Profumo - Farmaceutica di Santa Maria Novella - Via della Scala, 16

Grazie alle visite (guidate, su prenotazione) si possono visitare gli antichi locali affrescati tra i balsami, elisir, pomate e profumi della farmacia storica più antica d’Europa.

Stefano Ricci - Via dei Pescioni, 1

Nel cuore di San Frediano apre le porte l'Antico Setificio Fiorentino, che conserva un orditoio settecentesco, realizzato sul disegno originale di Leonardo Da Vinci custodito a Londra nella collezione privata dei Windsor. L'azienda è celebre nel mondo per le le iconiche camicie colorate di seta indossate da Nelson Mandela.

L'ideatrice del progetto, Cinzia Sasso, ha ricordato come la moda sia uno degli assi portanti della nostra economia con un fatturato di 87 miliardi di euro:«APRITIMODA è il modo per far avvicinare il grande pubblico a questo patrimonio. Iniziative come questa sono l'esempio di come è possibile e utile a tutti fare sistema, mettere cioè insieme la forza di marchi diversi, uniti dall'interesse comune di difendere e diffondere l'unicità e la grandezza del Made in Italy». 

«APRITIMODA svela il dietro le quinte e i luoghi di un sistema davvero unico, per creatività, storia, innovazione, valore culturale ed economico. Momenti di narrazione come questo sono fondamentali per creare consapevolezza, stimolare curiosità, ispirare le future generazioni. La Camera Nazionale della Moda Italiana sostiene l’edizione fiorentina di un progetto che, già a Milano, ha riscosso grande successo di pubblico, un’iniziativa di sistema e inclusiva che rappresenta un successo per l’intera moda italiana» ha dichiarato Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale delle Moda Italiana.

L’evento ha ricevuto il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, del Comune di Firenze, di Confcommercio-Imprese per l’Italia - Toscana.

Now on air