Attenzione: ecco i cibi d’importazione più contaminati e quindi nocivi per la nostra salute

Un bel mix di additivi, coloranti, tossine, residui chimici… è quanto hanno riscontrato le indagini dell’ Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) in alcuni alimenti d’importazione, molto diffusi sulle nostre tavole. A diffondere i dati è stata la Coldiretti. Ecco i cibi da cui è bene tenersi lontani, rivelati dal sito Greenme.it.

1. Broccoli dalla Cina (irregolarità 92%)

2. Prezzemolo dal Vietnam (irregolarità 78%)

3. Basilico dall'India (irregolarità 60%)

4. Melagrane dall'Egitto (irregolarità 33%)

5. Peperoncino dalla Thailandia (irregolarità 21%)

6. Menta dal Marocco (irregolarità 15%)

7. Meloni e cocomeri dalla Repubblica Dominicana (irregolarità 14%)

8. Fragole dall'Egitto (irregolarità 11%)

9. Piselli dal Kenya (irregolarità 10%)

10. Arance dall'Egitto (irregolarità 5%)

È bene dunque controllare l’etichetta dei prodotti per scoprire la loro zona d’origine e non farsi attrarre dai prezzi spesso molto bassi di questi alimenti. Meglio spendere un po’ di più, ma portare in tavola cibi sani.

Now on air