Lo smartphone cade in acqua? Ecco cosa fare!

È uno dei problemi peggiori che può accadere a uno smartphone: finire in acqua e danneggiarsi irrimediabilmente. Ecco cosa fare per salvare la situazione, secondo il sito gazelle.com.

Recuperate lo smartphone dal liquido in cui è caduto il prima possibile.

Spegnetelo

Per l’iPhone, premete contemporaneamente il pulsante Lock e il tasto home per 5 secondi. Per i telefoni Android, rimuovete le batterie.

Rimuovete quanti più componenti possibile

Cercate di rimuovere dall’apparecchio le batterie, le cuffie, la sim card e la memory card

Se necessario, lavatelo

Se il telefono è caduto in acqua salata o sporca, sciacquatelo sotto l’acqua pulita del rubinetto. Non preoccupatevi, è già completamente bagnato, quindi questa operazione non può danneggiarlo ulteriormente, ma rimuove acidi e agenti corrosivi come il sale.

Cercate di eliminare l’acqua

Scuotetelo e agitatelo, in modo da far scorrere via quanta più acqua possibile.

Apritelo

È bene che il telefono prenda più aria possibile per asciugarsi rapidamente, dunque aprite il suo involucro.

Fate asciugare

L’aria, specialmente se secca, è il modo migliore per liberare dall’umidità lo smartphone. Potete accelerare il processo usando un ventilatore. Se l’aria è invece umida, immergete il telefono in gel di silice (si trova dal droghiere ed è il componente fondamentale delle lettiere per i gatti, quindi all’occorrenza potete usarla), nel couscous o nel riso a cottura istantanea. Il riso normale invece, a differenza di quanto si crede comunemente, non è molto efficace.

Aspettate pazientemente

Date tempo al telefono di asciugarsi perfettamente: ci vogliono almeno un paio di giorni.

 

Now on air