24/06/2018

IN VIAGGIO CON DIMAFFIO Monte Carlo lifestyle

Les Années Folles

Una serata in stile anni '30 al Caffè de Paris per ricordare gli anni folli

Sabato sera c'era una festa anni 30 al Caffè de Paris. Sulla piazza del casinò di Monte Carlo erano parcheggiate bellissime auto d'epoca della collezione del Principe. C'era una ragazza su un'altalena che dondolava con una lunga coda di piume di struzzo a 5 metri sopra l'ingresso. E poi, una volta entrato nell'atrio, devo ringraziare Sylvie Cristin della SBM che mi ha preso sottobraccio e mi ha fatto fare la passerella, in mezzo a ballerini e ballerine in costume anni 30. Mi sono sentito per un attimo il Grande Gatsby!  C'era un'orchestrina che suonava electroswing e su uno schermo venivano proiettate immagini di Monte Carlo anni 20 e 30. Per una sera si sono celebrati i fasti des Annèes Folles...come li chiamano...gli anni folli. La grande crisi di Wall street non era ancora arrivata in Europa, ci si divertiva a più non posso, non c'era il proibizionismo a Monte Carlo e scorrevano fiumi di champagne. All'Hotel de Paris nel 1930 venne organizzato il Gran Ballo dell'Oro. Una arciduchessa russa, dice la leggenda, arrivò vestita solo di polvere d'oro appiccicata alla sua pelle nuda... Comunque seratona al Caffè de Paris! Non c'erano arciduchesse ma un sacco di belle donne e una magnifica acrobata serviva champagne appesa a testa in giù. Poi sono uscito, mi sono appoggiato ad una Delahye anni 30....e mi sono sentito Francis Scott Fitzgeral che sulla piazza del Casinò di Monte Carlo c'era stato negli anni 20... In Costa Azzurra aveva abitato con Zelda a Cap D'Antibes e a Villefranche e aveva tratto ispirazione per il suo romanzo "Tenera è la notte". Strani scherzi di fantasia di una notte di mezza estate...e dello champagne!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1500

Maurizio DiMaggio

Maurizio DiMaggio

Più che un disc jockey mi sento un marinaio della Musica. Navigo da trent’anni anni sulle onde FM e per spirito di avventura mi spingo inevitabilmente verso nuovi orizzonti musicali. Sono nato nel mese di maggio ad Ivrea, ho iniziato nelle radio private del Piemonte per poi approdare nel 1988 a Monte Carlo, dove ho ormeggiato alla banchina Antoine I. Ho una grande passione per i viaggi, per il mare e per le barche, per i popoli del mondo e le loro culture. Nomade per natura, stanziale il meno possibile. Sono stato animatore su navi da crociera, DJ in mitiche discoteche della Costa Azzurra, presentatore di conventions e moderatore di convegni, creatore di testi pubblicitari, conduttore televisivo, realizzatore di documentari, e anche produttore discografico: insomma da buon marinaio so fare un po’ di tutto, perfino il giornalista specializzato in viaggi e in enogastronomia. In tutti questi campi sono un appassionato, non un esperto. L’Appassionato sa tutto di ciò che gli interessa e quando scopre cose nuove che gli piacciono se ne informa a fondo, manda avanti il cuore. L’Esperto sa tutto di tutto, conosce a fondo la materia, ce l'ha in testa.

Io rimango un appassionato.
A vita...

Calendario dei post