WEB RADIO

MC2
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC 80
 
RMC Love Songs
 
Radio Monte Carlo FM
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Giorgia
 
RMC Duets
 
RMC New Classics
 
RMC Hits
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
rmc
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Great Artists
 
RMC Marine
 
RMC Italia
 
Music Star Jovanotti
 
Monte Carlo Nights Story
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Zucchero
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Festival
 
RMC 90
 
Music Star Coldplay
 

rmc Cinema

Laura Morante: 60 anni e una vita dedicata al cinema e al teatro

Nipote della scrittrice Elsa Morante, l'attrice festeggia oggi 60 anni. Dall'esordio con i Bertolucci al ruolo di regista prima con "Ciliegine" e oggi con "Assolo"

Una delle attrici più complete ed eclettiche del panorama cinematografico italiano, Laura Morante festeggia oggi i suoi 60 anni, gran parte dei quali spesi davanti alle telecamere e alle platee dei teatri.
Laura nasce a Santa Fiora, nella maremma toscana in provincia di Grosseto, il 21 agosto del 1956. Figlia del giornalista Marcello Morante e nipote della scrittrice Elsa.
Esordisce a teatro negli anni settanta con Carmelo Bene e debutta al Cinema con una pellicola di Giuseppe Bertolucci "Oggetti Smarriti" nel 1980, in cui interpreta una ragazza tossicodipendente, poi con il fratello del regista, Bernardo Bertolucci, gira "La tragedia di un uomo ridicolo" con Ugo Tognazzi.
Ma il successo e le conferme arrivano con Nanni Moretti in “Sogni d’Oro”e in "bianca nel 1984, ma è soprattutto anni dopo nel 2001 che con una struggente prova drammatica ne “La Stanza del Figlio” si aggiudica il David di Donatello come miglior attrice protagonista e riceverà i maggiori consensi da pubblico e critica.
Durante la sua lunga carriera Laura Morante ha recitato in tantissimi film tra cui ricordiamo “Turnè” di Salvatores con Diego Abatantuono e Fabrizio Bentivoglio, “I Ragazzi di via Panisperma” di Gianni Amelio, “Ferie d’Agosto” di Virzì, “Liberate i Pesci!” di Cristina Comencini, “Vajont” di Renzo Martinelli, “Danza di Sangue - Dancer Upstairs” di John Malkovic, “Un Viaggio Chiamato Amore” di Michele Placido, "Ricordati di Me” di Gabriele Muccino, “L’Amore è Eterno Finchè Dura” di Verdone (con cui si è aggiudicata il Nastro d’Argento), “Il Nascondiglio” ed “Il Figlio più Piccolo” di Pupi Avati, “La Bellezza del Somaro” di Sergio Castellitto, solo per citarne alcuni.

Laura Morante non si è fermata però al ruolo di attrice e proprio recentemente, al Bobbio film festival, organizzato in provincia di Piacenza e diretto da Marco Bellocchio, ha promosso il suo secondo film da regista “Assolo” in cui recita anche la figlia Eugenia Costantini.

"Uso troppo la ragione e poco l’istinto. L’istinto non mi fa mai sbagliare. La ragione quasi sempre" in questa frase c'è molto di lei e della sua vita gran parte della quale passata a recitare con quel suo sguardo inquieto e misterioso.

Auguri a questa splendida signora del cinema per questi suoi 60 anni in cui ci ha regalato momenti di intensità cone le sue magistrali interpretazioni.

In Evidenza