Ferdinando Scianna

Dal 22 settembre 2018 al 6 gennaio 2019, ai Musei San Domenico di Forlì una memorabile mostra dedicata al maestro della fotografia. RMC è radio ufficiale

E' una mostra profondamente emozionante, quella organizzata negli spazi espositivi del Complesso di San Domenico a Forlì (con un esordio in connessione con la Settimana del Buon Vivere), dal 22 settembre 2018 al 6 gennaio 2019. Si tratta infatti di una grande retrospettiva dedicata al maestro della fotografia Ferdinando Scianna (curata da Denis Curti, Paola Bergna e Alberto Bianda, art director della mostra).

In esposizione, circa 200 fotografie in bianco e nero che raccontano l'itinerario artistico e umano del fotografo siciliano, attraversando vari temi della sua poetica (l'attualità, la guerra, il viaggio, la religiosità popolare) e incrociando i suoi itinerari geografici (da Bagheria alle Ande boliviane) e di focus (dalla moda ai reportage, dai paesaggi agli animali, ai ritratti dei suoi amici come Leonardo Sciascia, Henri Cartier-Bresson, Jorge Louis Borges).

Queste le sezioni della mostra:

LA MEMORIA: Bagheria - La Sicilia - Le feste religiose

IL RACCONTO: Lourdes - I bambini- Kami- Il dolore

OSSESSIONI: Il sonno - Le cose - Uombra- Bestie - Gli specchi

IL VIAGGIO: America - Deambulazioni - I luoghi

RITRATTI

RITI E MITI: Le cerimonie - Donne - Marpessa

Un documentario narra la vita del fotografo, che si racconta anche in prima persona nell'audio guida dell'esposizione. 

Ferdinando Scianna  è nato a Bagheria, in Sicilia, nel 1943 e a soli 21 anni pubblica, su testi di Leonardo Sciascia, il saggio "Feste Religiose in Sicilia", libro che ottiene il prestigioso Premio Nadar. Si stabilisce per dieci anni a Parigi, come inviato del magazine l'Europeo ed entra a far parte della celebre agenzia fotografica Magnum Photos. Tornato a Milano, collabora con gli allora emergenti Dolce & Gabbana, dando un taglio del tutto nuovo e originale alle foto di moda.

Scianna racconta così il suo lavoro: «Adesso, con immutata passione, divertimento ed ironia, opero nei campi più diversi. Faccio un po' di moda, un po' di pubblicità, il reportage e cerco più che mai di fare ritratti. Inoltre recupero materiale dal mio archivio fotografico per numerosi progetti. Nelle mostre non faccio distinzioni tra le immagini nate dal lavoro di fotoreporter e quelle di moda, per esempio. Le inserisco tutte in una continuità che è poi quella della mia pratica professionale».

E ancora: «Non sono più sicuro, una volta lo ero, che si possa migliorare il mondo con una fotografia. Rimango convinto, però, del fatto che le cattive fotografie lo peggiorano».

 

 

   

  

 

Now on air