Henri Cartier-Bresson. Landscapes/Paysages

Oltre 100 splendide immagini del grande maestro esposte a Forte di Bard dal 17 giugno al 21 ottobre. RMC è radio ufficiale

Henri Cartier-Bresson. Landscapes/Paysages

RMC è radio ufficiale

Una panoramica emozionante dell'arte del grande fotografo Henri Cartier-Bresson: è quanto offre la mostra "Henri Cartier-Bresson. Landscapes/Paysages", in programma dal 17 giugno al 21 ottobre 2018 a Forte di Bard.

L'emozionante esposizione, realizzata in collaborazione con Magnum Photos International e Fondation Henri Cartier-Bresson di Parigi, offre al visitatore 105 immagini in bianco e nero, selezionate personalmente da Cartier-Bresson e scattate tra gli Anni Trenta e gli Anni Novanta durante i suoi viaggi in Europa, Asia e America.

Filo conduttore dell'esposizione è l'attenzione all'ambiente. La mostra raccoglie infatti quegli scatti in cui l'occhio del maestro si focalizza sui paesaggi e sulla natura, mantenendo sempre intatta la sua ricerca di quell'"istante decisivo" che per Cartier-Bresson è il «riconoscimento immediato, nella frazione di un secondo, del significato di un fatto e, contemporaneamente, della rigorosa organizzazione della forma che esprime quel fatto».
 
Scatti memorabili, in bianco e nero, raccolti per tema (alberi, neve, nebbia, sabbia, tetti, risaie, treni, scale, ombra, pendenze e corsi d'acqua), in un itinerario evocativo di paesaggi urbani e paesaggi rurali che si fanno paesaggi interiori. A colpire è la relazione quasi musicale tra armonie delle linee e geometrie delle immagini. Le foto raccontano il lato più sereno e pacifico di un secolo che fu anche drammatico e complesso ed esprimono tutto il rigore e il talento di Cartier-Bresson nell'accostarsi all'obbiettivo della machina fotografica.


Henri Cartier-Bresson era nato nel 1908 a Chenteloup. In gioventù si era dedicato alla pittura, interessandosi al surrealismo, e aveva lavorato al cinema con il grande regista Jean Renoir. Grazie a un viaggio in Africa, si appassionò alla fotografia. Nel 1947 fu tra i co-fondatori della celebre agenzia fotografica Magnum. Henri Cartier-Bresson raccontò la storia dei nostri tempi, viaggiando da Città del Messico a New York, dall’India di Gandhi alla Cuba di Fidel Castro, dalla Cina ormai comunista all’Unione Sovietica. Le sue immagini fanno ormai parte dell'immaginario comune e Cartier-Bresson è stato definito "l'occhio del secolo".

Tutte le informazioni sul sito www.fortedibard.it

Now on air