Rolli Days Genova. RMC è radio ufficiale

Tornano a Genova gli emozionanti Rolli Days. Appuntamento il 19 e 20 maggio con i meravigliosi Palazzi dei Rolli, Patrimonio dell’Umanità Unesco

Segnatevi questi giorni: 19 e 20 maggio 2018. Perché in questa data torna una delle iniziative più affascinanti e coinvolgenti del nostro paese. Genova apre infatti ancora una volta i suoi meravigliosi Palazzi dei Rolli, Patrimonio dell’Umanità Unesco, durante gli ormai celebri Rolli Days.

Ben 25 palazzi aristocratici genovesi aprono le porte al pubblico e svelano i loro tesori. Sono due gli itinerari tematici, affiancati a un ricco calendario di eventi collaterali completerà l’offerta per un perfetto weekend di arte e cultura a Genova: dall’esposizione straordinaria dell’Ultima Cena di Procaccini all’Annunziata, agli arazzi cinquecenteschi di Palazzo Tursi, alle iniziative dell’Archivio di Stato e dei Musei di Palazzo Reale e Palazzo Spinola.

Percorso 1. “Dal mare alle mura”

Il percorso esplora il rapporto di Genova con il mare. relazione che ha portato ricchezza, prestigio, potere e sviluppo urbano, economico e artistico. Da Palazzo San Giorgio, l’antico “palazzo del mare” voluto da Simon Boccanegra, si attraversa la città risalendola e incontrando i grandi palazzi edificati dall’aristocrazia dominante grazie ai proventi del commercio e degli investimenti finanziari, per giungere – attraverso la piazza intitolata al Duca Raffaele De Ferrari, colui che nel XIX secolo fece costruire il porto così come lo conosciamo oggi – a palazzo Doria Spinola, a ridosso delle mura che chiudevano a nord la città, sino all’espansione urbana dell’Ottocento.

Tra le novità di questa edizione, l’apertura di Palazzo San Giorgio, raccontato grazie all’accompagnamento dei divulgatori scientifici dell’Università di Genova.

Altri due palazzi di nuova apertura sono Palazzo Doria De Fornari (che permette di leggere la stratificazione della città e dei suoi edifici) e Palazzo Doria De Ferrari-Galliera (splendido esempio di ‘rollo’ rinascimentale e barocco).

Aperta anche la splendida Quadreria della Banca Carige.

1) Palazzo San Giorgio

2) Palazzo Ambrogio Di Negro (via San Luca 2)

3) Palazzo Gio. Batta Lercari poi Spinola (via Orefici 7)

4) Palazzo Vincenzo Imperiale (piazza Campetto 8)

5) Palazzo Gio. Stefano Doria (vico Falamonica 9R) Ristorante The Cook, visitabile in orario 10.00-12.00 e 16.00- 18.00)

6) Palazzo Doria De Ferrari Galliera (piazza De Ferrari 3)

7) Palazzo Doria De Fornari (piazza De Ferrari 4)

8) Quadreria Banca Carige

9) Palazzo Antonio Doria poi Spinola (Prefettura) (Largo Lanfranco 1)

Percorso 2. “Una città, tre Strade Nuove”

Attraverso Via Garibaldi, via Balbi e via Cairoli l'itinerario racconta il Cinque, il Sei e il Settecento e l’espressione monumentale delle élite politico-culturali della città. La visita mostra magnifici palazzi e memorabili cicli di affreschi e raccontano le storie degli uomini che resero Genova una Capitale del Mediterraneo di grandezza e il prestigio.  

1) Palazzo Tobia Pallavicino (via Garibaldi 4)

2) Palazzo Franco Lercari poi Parodi (via Garibaldi 3) – il secondo piano nobile solo sabato mattina e domenica mattina

3) Palazzo Nicolosio Lomellino (via Garibaldi 7) (atrio e cortile con ninfeo; visite guidate a tariffa ridotta di interni e giardino)

4) Palazzo Nicolò Grimaldi (Musei di Strada Nuova- Palazzo Tursi) (via Garibaldi 9)

5) Palazzo Luca Grimaldi (Musei di Strada Nuova - Palazzo Bianco) (via Garibaldi 11)

6) Palazzo Brignole Sale (Musei di Strada Nuova - Palazzo Rosso) (via Garibaldi 18)

7) Palazzo Gerolamo Grimaldi (Palazzo della Meridiana) e mostra Van Dyck e i suoi amici

8) Palazzo Balbi Doria Lamba – (via Cairoli) solo atrio

9) Palazzo Lomellini Patrone (Comando Territoriale E.I.) –Visite su Palazzo Balbi Senarega – (via Balbi 4)

10) Palazzo dell’Ateneo – ex Collegio dei Gesuiti – (via Balbi 5)

11) Orto Botanico – (Università - Amici dell’Orto Botanico)

I visitatori possono scoprire i palazzi liberamente.

Tra le aperture per i Rolli Days, anche il Museo di Palazzo Reale, l’Albergo dei Poveri, Villa del Principe, la fastosa residenza rinascimentale di Andrea Doria, capolavoro del Rinascimento italiano.

Ad accogliere il pubblico studenti e ricercatori dell’Università degli Studi di Genova. Sono disponibili visite guidate tematiche a una selezione dei palazzi, a pagamento, in italiano, inglese, per bambini e famiglie. Le visite si potranno presto acquistare on line su www.visitgenoa.it, o di persona presso gli uffici IAT .

Ricco anche l'elenco di eventi collaterali  

Alla chiesa della Santissima Annunziata del Vastato: dopo un importante restauro e l’esposizione nella mostra “L’ultimo Caravaggio” alle Gallerie d’Italia di Milano, rientra a Genova l’Ultima Cena di Giulio Cesare Procaccini. 

Ai Musei di Strada Nuova – Palazzo Tursi Il giardino della dea Pomona: presentazione al pubblico di tre magnifici arazzi allestiti in occasione di Euroflora 2018. 

La Galleria Nazionale di Palazzo Spinola propone fa rivivere l’antico uso del Barcheggio nel Porto Antico di Genova a bordo della motonave “Città di Camogli”.

Al Museo di Palazzo Reale (domenica mattina e su prenotazione obbligatoria) visita di alcuni spazi dell’antica chiesa di San Vittore e ingresso ridotto a 1 euro alla mostra “Il Re Nuovo. Carlo Alberto nel Palazzo Reale di Genova”.

All’Archivio di Stato nella sede del Palazzetto Criminale: (con prenotazione obbligatoria) in esposizione i documenti dei Rolli e  visitabili i graffiti del Corpo di guardia e dei prigionieri. Disponibile in esclusiva il volume "Superbe carte. I Rolli dei palazzi di Genova". 

Nel Complesso Monumentale di S. Ignazio (solo sabato): mostra documentale "La Casa di San Giorgio: finanza pubblica e credito". 

A Palazzo della Meridiana ingresso a tariffa ridotta per la mostra “Van Dyck e i suoi amici”.

A Palazzo Lomellino accessi gratuiti: atrio e cortile con ninfeo di Fetonte - Visite guidate (a tariffa ridotta) agli interni del Primo Piano Nobile e del Giardino Segreto. 

A Palazzo Imperiale di Campetto (Campetto, 8a – Piano Nobile), mostra: Il ritorno di Giovanni Vincenzo Imperiale (in esposizione la collezione di Giovanni Vincenzo Imperiale, letterato e collezionista).

Nel quartiere del Carmine itinerari di visita ai luoghi di maggior interesse del borgo, con racconti, storie e curiosità.  

La Parrocchia di Nostra Signora del Carmine e Sant’Agnese apre l’edificio parrocchiale e la chiesa sconsacrata di San Bartolomeo dell’Olivella. 

La Cattedrale di San Lorenzo celebra i 900 anni dalla sua consacrazione: il complesso della Cattedrale, del Museo Diocesano e del Museo del Tesoro propongono per i Rolli Days attività per le famiglie e visite speciali.  

Scopri di più su www.visitgenoa.it

 

 

Now on air