WEB RADIO

Music Star Jovanotti
 
RMC Hits
 
Radio Kay Kay
 
RMC Italia
 
Music Star Zucchero
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Monte Carlo Nights Story
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC 90
 
Radio Bau & Co
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
rmc
 
Radio Festival
 
RMC Great Artists
 
MC2
 
Music Star Giorgia
 
RMC Love Songs
 
RMC Marine
 
RMC Duets
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC New Classics
 
RMC 80
 
Music Star Coldplay
 

Le signore del Jazz

Sono giovani. Sono sensuali, Soprattutto, sono bravissime. Sono le nuove ladies del jazz. Artiste dalla grande personalità, dotate di talento, determinazione e voci che non lasciano indifferenti. Capaci di regalare un twist contemporaneo, venato di sofisticata elettricità, alle sonorità jazz, e disegnare nuovi, emozionanti paesaggi sonori. Eccole.

Brenna Whitaker

Bionda, fisico da super model e voce che conquista fin dal primo ascolto, è nata a Kansas City e ha subito mostrato i tratti della ragazza prodigio: attrice a undici anni, già a diciassette segue le lezioni di teatro dai veterani di Broadway a New York. Tratti distintivi: da sempre perdutamente innamorata del jazz. È Hollywood a fare la sua fortuna: ottenuto lo status di resident al W Hotel per la sua band Brenna Whitaker and The Little Big Band, l’artista confeziona uno show incendiario, fatto di classe ed energia, che ogni domenica sera calamita folle di appassionati. Tra loro, Stevie Wonder, Michael Bublé, Quincy Jones. E anche il pluripremiato produttore David Foster, che decide di metterla sotto contratto. Il risultato è l’album d’esordio “Brenna Whitaker”, un emozionante excursus jazz tra standard classici (resi unici dalla voce di Brenna) e brani originali.

Lizz Wright

Nata in Georgia, all’attivo già cinque album, è unica per il suo inimitabile blend di jazz, soul e folk. Chi ama i paragoni è invece solito accostarla a Norah Jones, per quella dolcezza melodica che contraddistingue i suoi dischi. Stile seducente, vocalità che affascina sin dal primo ascolto, è cresciuta in una famiglia di grandi passioni musicali (il padre era pianista e direttore del coro della chiesa locale) e ha affinato il suo talento cantando nella vocal band degli In The Spirit prima dell’esordio da solista. Il suo ultimo album è “Freedom & Surrender”.

Diana Krall

L’inarrivabile. È probabilmente per merito suo se oggi tante nuove cantanti di talento si accostano con grinta e originalità al jazz. Diana è stata infatti la prima, in tempi non sospetti, a far riscoprire al pubblico tutta l’energia e il fascino del jazz. Adesso, dopo quindici album, è un vero modello a cui ispirarsi. Sofisticata, elegante, capace di rileggere anche il patrimonio del passato in chiave squisitamente contemporanea, eccellente pianista, ha da poco regalato ai suoi fan un’edizione speciale del suo acclamato album “Wallflower”, in cui rileggeva in maniera impareggiabile grandi classici del pop. Nella nuova edizione del disco (prodotto da David Foster) e ribattezzato “Wallflower- The Complete Sessions”, si aggiungono quattro brani in cui Diana interpreta “A Case Of You” di Joni Mitchell, “Heart of Gold” di Neil Young e duetta con Sarah McLachlan (“If you Could Read My Mind”) e con Vince Gill “Everybody’s Talkin’”.

Sarah McKenzie

Bionda, delicata, a tratti eterea, si è rivelata subito un’ottima pianista e una cantante strepitosa. Originaria di Melbourne, in Australia, aveva già fatto conoscere il suo talento con due album di successo. Ma la sua fortuna arriva in Europa. Sarah si esibisce all’Umbria Jazz Festival Competition e vince una borsa di studio per il prestigioso Berklee College of Music. Appena diplomata, registra un album nei leggendari Sear Sound Studios di New York, “We Could Be Lovers”, uscito il 18 settembre 2015. Sarah vive a Parigi, ma è in eterno movimento, tra jazz festival (ha suonato a Monterey, Juan-les-Pins, Marciac) e club di punta (New York, Londra, Vienna, Monaco, Sydney).

In Evidenza