WEB RADIO

Music Star Tiziano Ferro
 
RMC New Classics
 
RMC Great Artists
 
Music Star Jovanotti
 
MC2
 
Music Star Pino Daniele
 
RMC Italia
 
Music Star Giorgia
 
Radio Monte Carlo FM
 
Xmas Radio
 
RMC Love Songs
 
RMC Duets
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Music Star Zucchero
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
Radio Bau & Co
 
RMC Hits
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Coldplay
 
RMC Marine
 
rmc
 
RMC 90
 
Monte Carlo Nights Story
 
RMC 80
 
Radio Festival
 

Self/Less

Un emozionante thriller fantascientifico interpretato da Ben Kingsley e Ryan Reynolds

È una storia di fantascienza a dir poco originale, quella in uscita sui grandi schermi il 10 settembre per la regia di Tarsem Singh e interpretata da Ben Kingsley e Ryan Reynolds. A essere raccontata è infatti l’appassionante vicenda di Damian Hale, anziano e geniale industriale miliardario che, scopertosi affetto da un male incurabile, decide di sottoporsi a una terapia radicale e costosissima. La sua coscienza si trasferirà infatti nel corpo di un uomo giovane e in ottima salute. A Damian non resterà altro che inscenare la propria morte e affidarsi alle cure dell’organizzazione segreta che offre ai più ricchi questo genere di servizi.

Un thriller serrato

Il miliardario diventa così Edward e si ricrea una nuova vita a New Orleans, dove conosce Anton e Madeline e inizia a scoprire qualcosa di enigmatico e molto losco circa l’organizzazione di cui si è servito e circa le misteriose origini di Edward. Un thriller serrato, che alla fantascienza miscela sapientemente elementi di riflessione filosofica e morale. «A tutti, prima o poi, capita di pensare "Come vorrei avere più tempo da vivere!» spiegano gli sceneggiatori David e Alex Pastor. «Con questo film, raccontiamo la storia di un uomo che, apparentemente, ha tutto dalla vita. A un certo punto, però, il suo corpo si ammala. Quell’uomo comprende, allora, che con i soldi può comprare tutto, tranne l’immortalità. Sebbene il mezzo per rinascere a nuova vita sia una tecnologia del tutto rivoluzionaria, abbiamo deciso di non indugiare in dettagli tecnici e di dare alla storia un tono quasi surreale. Il nostro obiettivo, infatti, era soffermarci sulle conseguenze morali delle sue scelte. Questo tipo di science fiction è più legato agli aspetti morali che a quelli tecnologici. Con “Self/less”, la tecnologia diventa il mezzo attraverso il quale salvarci dalla morte, ma il prezzo da pagare non è quantificabile solo in termini economici. Sono queste le riflessioni che ci hanno spinto a impegnarci sul progetto».

Un grande cast

Riflessione morale, ma anche molta azione, narrata dal regista Tarsem Singh con un piglio che cita i thriller di Polanski degli anni Sessanta e Settanta. Il fascino del film si deve anche al cast, in cui brillano Ben Kingsley e Ryan Reynolds. Del suo personaggio, Damian, Kinglesy dice: «Damian ha un ego smisurato. È creativo e pieno di immaginazione e gli piace trattarsi bene. Ho dovuto interpretare la sua debolezza, i suoi punti vulnerabili in modo credibile e reale, tanto da far pensare al pubblico: “Ecco, assomiglia a mio zio, a mio padre”. Tarsem Singh è il regista perfetto, anche perché è di origine indiana. La reincarnazione fa parte della sua cultura, tanto da esserne un principio, un “credo”. È una cosa che a noi occidentali può sembrare molto strana». Per Ryan Reynolds, “Damian è una persona che non si è mai concessa il lusso di perdere, ma alla fine impara che arrendersi non significa necessariamente perdere. Damian vince nel momento in cui riesce a vivere il presente e accettare il sacrificio. Il titolo del film è interpretato in modo diverso da ogni personaggio della storia. Così come ogni spettatore lo vivrà in modo personale e diverso».