WEB RADIO

RMC Love Songs
 
RMC Duets
 
MC2
 
RMC BUDDHA-BAR Monte Carlo / Radio
 
Radio Bau & Co
 
Music Star Zucchero
 
RMC Hits
 
RMC 80
 
Mina: Ieri Oggi e Domani
 
rmc
 
Radio Monte Carlo FM
 
RMC Great Artists
 
Radio Festival
 
Music Star Tiziano Ferro
 
RMC Italia
 
RMC 90
 
Radio Kay Kay
 
Music Star Pino Daniele
 
Music Star Giorgia
 
Music Star Coldplay
 
RMC Marine
 
Monte Carlo Nights Story
 
Music Star Jovanotti
 
RMC New Classics
 

23 Giugno 2015

BILLIE HOLIDAY

100 anni di Lady Day

Difficile immaginare la musica moderna e tutto il canto jazz senza l’apporto fondamentale di un’artista immensa come Billie Holiday. Il suo stile inconfondibile contraddistinto da un timbro scuro e un po’ sommesso, raccontano inequivocabilmente i drammi di una vita difficile fatta di violenza e droghe ma anche di riscatto e successo.
Billie Holiday - conosciuta anche come “Lady Day”, nome attribuitole dal suo grande amico Lester Young, jazzista leggendario con il quale ha condiviso una parte importante della sua carriera musicale – è la cantante jazz per eccellenza, un simbolo come poche altre sue colleghe (Ella Fitzgerald, Sarah Vaughan e Nina Simone su tutte)  in grado di ispirare intere generazioni di interpreti.


(Lester Young)

E non è solo una questione di tecnica (Ella e Sarah su questo sono state inarrivabili) ma di intensità nell’interpretazione: Billie Holiday riusciva a trasmettere al pubblico i drammi della sua vita personale e quelli sociali di un’America insanguinata dall’odio razziale, eventi spesso tragici che sono stati raccontati con la sua musica, come nel caso della celeberrima “Strange Fruit”, non senza problemi combattendo tra pregiudizi e censure anche al di fuori degli States.
Basti pensare che La rivista TIME nel 1939 aveva bollato “ Strange Fruit” come "propaganda in musica", ma 60 anni dopo la elesse "Canzone del XX secolo".

 

A 100 anni dalla sua nascita è incredibile constatare quanto l’eredità lasciata da Billie Holiday sia straordinariamente attuale: le sue canzoni rappresentano ancora un modello assoluto e inarrivabile per intensità dell’interpretazione e non è un caso che artisti pop come Annie Lennox o Rebecca Ferguson si siano recentemente cimentate nel repertorio di Lady Day .


(Annie Lennox)

Annie Lennox “Strange Fruit” 

Tuttavia è nel mondo del jazz che ancora oggi Lady Day attrae irrimediabilmente ogni genere di interpreti, giovani o cantanti di consolidata esperienza, che si misurano con il suo repertorio in una sorta di prova stilistica o di traguardo da raggiungere.

La grande Dee Dee Bridgewater ha dedicato a Lady Day “Eleanora Fagan (1915–1959): To Billie With Love From Dee Dee Bridgewater” grazie al quale si è aggiudicata un Grammy Award nel 2010 nella categoria “Best Jazz Vocal Album”.


(Dee Dee Bridgewater)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1500

Commenti all'articolo

  • 23 Giugno 2015 - 19:07

    Antonio

    Fragapane

    In poche righe un quadro molto azzeccato della figura di colei che ha ispirato ed ancora oggi ispira migliaia di jazz singer in ogni parte del mondo, consiglio di leggere l'articolo aprendo in parallelo il link che segue.... https://www.youtube.com/watch?v=4P0hG3sD0-E. F.to Un grande appassionato!

    Rispondi

Marco Fullone

Marco Fullone

Dal lontano anno 2000 scelgo la musica di Monte Carlo Nights e giro l'Italia per suonare dischi. Ho un bellissimo gatto di nome Gustavo e sono un maniaco collezionista di vinili, box set, limited edition.

Guai a chi tocca il mio impianto Hi-Fi!

Calendario dei post

Multimedia

Rod Stewart featuring Stevie Wonder - My cherie amour
 
Eurythmics - When Tomorrow Comes
 
Elio: ma quanto è bello interpretare re Artù!
 

Seguici su Facebook