Dardust ospiti di Monte Carlo Nights

Non perdere l’intervista e il live lunedi 15 giugno alle 23.00

Il nome Dardust racchiude un progetto ideato dal pianista e compositore Dario Faini, che si vale della collaborazione del trio d’archi di Carmelo Emanuele Patti, Simone Sitta e Simone Giorgini e del producer e polistrumentista Vanni Casagrande. Alla base, l’idea innovativa di unire la sensibilità pianistica minimalista alle sonorità elettroniche di origine nord europea.

Omaggio a Bowie

Il nome dell’ensemble è anche un omaggio a Ziggy Stardust, affascinante ed enigmatico alter ego alieno di David Bowie, e all’album “Exit Planet Dust” dei Chemical Brothers. Il progetto Dardust vuole narrare gli universi sonori che toccano l’asse geografico/musicale Berlino­/Reykjavic­/Londra. Il primo album della trilogia, “7” è dedicato a Berlino e contiene 7 brani strumentali scritti in 7 giorni e prodotti in 7 mesi negli studi Funkhaus. Il suo sound incrocia un mood “pop” capace di spaziare da Ludovico Einaudi fino ai Sigur Ros, intercettando le atmosfere minimaliste dei più celebrati compositori nord europei come Olafur Arnalds e Nils Frahm. A dare ancora maggiore incisività al progetto, non mancano incursioni elettroniche ispirate all’electro­ambient di Jon Hopkins.

Now on air