WEB RADIO

rmc
 
MC2
 
Xmas Radio
 
RMC Love Songs
 
RMC Italia
 
RMC New Classics
 
Monte Carlo Nights Story
 
Radio Monte Carlo FM
 

Le regole del caos

Kate Winslet e un cast stellare protagonisti di un film emozionante ambientato alla corte del Re Sole

Arriva il 4 giugno sugli schermi cinematografici “Le regole del caos”, sontuosa pellicola ambientata a Versailles, alla corte del Re Sole, e interpretata da un cast stellare: Kate Winslet, Alan Rickman (che ne è anche il regista), Stanley Tucci e Matthias Schoenaerts. A essere narrata è l’appassionante vicenda di Sabine De Barra, un’audace paesaggista dalle idee anticonvenzionali, che è chiamata a corte per creare lo spazio dedicato alla sala da ballo del Rockwork Grove.

Una donna anticonformista

Sabine è una donna anticonformista e moderna, che si trova a lavorare tra cortigiani e aristocratici dalla mentalità rigida e compassata. Le sue teorie sul giardinaggio sono profondamente innovative per l’epoca: Sabine predilige la fantasia e la spontaneità, in un periodo in cui i giardini non hanno fiori e sono concepiti come un insieme di linee geometriche e regolari. Inutile dire che Sabine travolgerà l’intera corte, facendo innamorare di sé anche uno dei personaggi più in vista dell'entourage reale e attirando il favore dello stesso sovrano. Girato in alcuni bellissimi manieri inglesi (Blenheim, Waddesdon, Hampton Court Palace, Cliveden, Ham House, Ashridge Park, Chenies Manor), solitamente non aperti al pubblico, il film sottolinea la personalità anticonvenzionale di Sabine anche attraverso i suoi costumi.

I costumi

Joan Bergin, la costumista, ne parla così: «Ho cercato di far vedere che Sabine è uno spirito libero. Uno dei nodi principali della storia è che questa donna, in modo alquanto inusuale per il periodo storico, è autonoma, esce e va a guadagnarsi da vivere. Chiaramente una donna del XVII secolo non poteva indossare un paio di jeans e una tshirt. Per Sabine, però, abbiamo scelto lino e tessuti simili, perché è una donna molto pratica, e ha bisogno di tessuti comodi. È una donna forte, non una femminuccia svenevole. Quando va a corte, i suoi abiti sono molto diversi dalle mise un po’ frou-frou delle altre donne. Sabine ha un approccio più semplice e pratico. Gli altri cercano sempre di catturare l’attenzione del Re per conquistare una posizione a corte, lei invece no».

Un personaggio unico

Ivana Primorac, responsabile del make up, aggiunge: «Prima abbiamo dato a Sabine tutte le cose che una donna avrebbe dovuto avere – e poi le abbiamo decostruite. Per i suoi abiti, abbiamo scelto tessuti adatti al lavoro all’aria aperta; per i capelli, abbiamo scelto una pettinatura in linea con la moda dell’epoca ma comunque credibile, se lavori un giorno intero fuori casa e non hai tempo per sistemarli. La pelle di Sabine è più colorita della pelle sottile e di porcellana delle dame di corte. Sabine è un personaggio unico; volevamo che fosse un po’ fuori dal mondo, naturale, ma al tempo stesso sorprendente. Dovevamo fare in modo che il trucco di Kate fosse semplice e pulito».

Una storia modernissima

Ellen Kuras, responsabile della fotografia, ricorda: «I dettagli visivi del film richiamano pienamente il XVII secolo, ecco perché l’immagine ha, in generale, un aspetto molto classico; ma l’azione è tipica di un film moderno, pur preservando un’ispirazione d’antan». La storia narrata è infatti modernissima: un outsider riesce a farsi largo in un ambiente ostile, grazie al suo talento e alla sua personalità. E grazie alla bravura straordinaria della Winslet, che si è calata perfettamente nei panni di Sabine, e di tutto il cast, che fanno di “Le regole del caos” una pellicola che è un vero piacere per gli occhi ma tocca profondamente il cuore.